Home News Intervista a Linda Martinuzzo

Intervista a Linda Martinuzzo

MARTIGNACCO E’ consapevole che sarà  un’annata difficile, ma la parola d’ordine è tranquillità . Linda Martinuzzo, centrale classe 1992, comincia la sua seconda stagione con la maglia della Libertas Martignacco senza troppi patemi d’animo. Sono tranquilla. Abbiamo un allenatore valido e sono contenta perché il gruppone di base che è riuscito a conquistare la promozione è rimasto comincia -. L’anno scorso la forza del gruppo è stata fondamentale: la speranza è che le nuove arrivate si inseriscano bene e che si ricrei quell’atmosfera.
La società  ha scelto Syria Tangini per completare il reparto dei centrali. L’ho vista giocare ed è una buona centrale ammette -. Sarà  una bella sfida a tre. Paura di fare panchina? No, l’unica cosa che mi interessa è che la squadra riesca a vincere.
Dopo le esperienze a Reggio Emilia, Soverato, Caserta e Matera, per la giocatrice nata a Pordenone quello in A2 non è certo un esordio. Dalla B1 all’A2 il livello sale abbastanza, non sarà  facile aggiunge Linda . Dovremo trovare i giusti equilibri anche perché siamo una squadra giovane e molte di noi non hanno mai giocato in A. Ma sono sicura che nei momenti di difficoltà  riusciremo a rialzarci.
Dando uno sguardo al campionato e alle avversarie, per Linda resta il campo l’elemento che farà  la differenza. Tante squadre si sono rinforzate con giocatrici d’esperienza, ma spesso non è il nome che conta osserva -. Credo sia importante che il gruppo funzioni, che riesca a dare il meglio quando scende in campo. La suddivisione in due gironi non dà  certezze, quindi vedremo come andranno le cose: secondo me ci possiamo salvare.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito o gli strumenti di terzi utilizzati al suo interno si avvalgono di cookie per:
– il corretto funzionamento del sito
– generare delle statistiche di navigazione
– mostrarti pubblicità in modo non invasivo
Proseguendo la navigazione su questo sito acconsenti all’uso dei cookie.