Home VOLLEY B1: IL COMMENTO POST GARA (ITAS CITTA’ FIERA – VIVIGAS VERONA)

VOLLEY B1: IL COMMENTO POST GARA (ITAS CITTA’ FIERA – VIVIGAS VERONA)

MARTIGNACCO Punto a punto, fino all’ultimo. Per arrivare alla settima vittoria consecutiva e sorridere ancora una volta dalla cima della classifica. Nonostante il risultato netto, quella contro Vivigas Arena Volley è stata una gara complicata. Dopo il primo set ci siamo illuse, sbagliando, che loro fossero arrendevoli comincia l’allenatore dell’Itas Città  Fiera, Marco Gazzotti Abbiamo fatto fatica, ma siamo riusciti a portare a casa il risultato: forse, vincere così, lottando, può farci bene ed esserci utile per quando incontreremo squadre davvero toste.
A differenza degli ultimi incontri, contro il club di Verona il tecnico ha scelto di schierare da subito Cibin al posto di Molinaro. Camilla si stava allenando bene e quindi meritava di partire, Beatrice nelle ultime partite ha avuto una serie di alti e bassi fisiologici spiega – Ho giocatrici che valgono quelle che di solito giocano.
La centrale classe 95 ha ritrovato spazio negli ultimi due set e ha dimostrato un gran carattere. So che in qualsiasi partita e con chiunque decida di partire sono abbastanza tranquillo e coperto, chi subentra, vedi anche Fedrigo, lo fa con la giusta determinazione aggiunge Gazzotti – Purtroppo si gioca in sei, cambiare per il gusto di cambiare non mi va.
Mutano le pedine, ma non il risultato. A Martignacco si è visto ancora una volta quanto sia decisivo l’atteggiamento a muro (14 punti in totale). Stiamo lavorando bene, anche in allenamento stiamo preparando tante situazioni, le ragazze mi seguono e sono attente alle scelte da fare precisa Inoltre la qualità  dei singoli fa sì che il muro sia uno dei fondamentali che ci dà  più soddisfazioni.
Ciò che invece è piaciuto di meno, al tecnico, è il calo di attenzione in alcuni momenti importanti del match. Abbiamo fatto errori banali, appoggi sbagliati: in difesa dobbiamo essere bravi a sprecare meno situazioni afferma – Noi non siamo una squadra che non difende, ma tante volte pensiamo che con il muro si risolva o che l’avversario faccia quello che ci aspettiamo. Alcune volte abbiamo qualche rallentamento psicologico su questo fondamentale.
Contro Vivigas Arena Volley, nell’ultimo set, ha sofferto anche Bernardino Ceccarelli. Nei primi cinque incontri abbiamo visto un gioco strepitoso e dinamico, le ragazze erano concentrate al massimo commenta il presidente della Libertas Martignacco ma quello di domenica non era un avversario facile e abbiamo fatto un po’ più di fatica: probabilmente il sestetto che gioca di più ha bisogno di un po’ di riposo mentale.

Le squadre toste stanno però arrivando. Domenica 3 dicembre, alle 18 a Martignacco, la sfida è con Anthea Volley Vicenza. Le ragazze di coach Mariella Cavallaro sono seste in classifica con 12 punti. Vicenza, così come Talmassons, è un club costruito per il salto di categoria spiega ancora il tecnico – La squadra ha patito all’inizio della stagione, ma ora si è rimessa in carreggiata e sta crescendo: è vero che giochiamo in casa, ma sarà  una partita che ci potrà  dare qualche indicazione su chi siamo noi veramente, dove possiamo e vogliamo arrivare e con chi possiamo competere.
Ceccarelli spera di vedere un palazzetto pieno (Ci aspettiamo il pubblico delle grandi occasioni e contiamo naturalmente sui ragazzi di Don Larice, punto di riferimento della tifoseria) e una squadra determinata. Ci aspettano tre partite di fuoco – conclude il presidente Ma ad oggi siamo contenti e meravigliati… chi avrebbe mai detto che dopo sette giornate ci saremmo trovati in testa alla classifica? Il merito è di tutto l’ambiente, ma è l’amicizia tra ragazze a dare la spinta in più.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito o gli strumenti di terzi utilizzati al suo interno si avvalgono di cookie per:
– il corretto funzionamento del sito
– generare delle statistiche di navigazione
– mostrarti pubblicità in modo non invasivo
Proseguendo la navigazione su questo sito acconsenti all’uso dei cookie.