Home VOLLEY B1: Neruda Volley – Itas Città  Fiera

VOLLEY B1: Neruda Volley – Itas Città  Fiera

NERUDA VOLLEY BOLZANO – Turlà , Fogagnolo, Dhimitriadhi, Pistolato (capitano), Fava, Figini, Bazzanella (libero), Murer, Fabiane, Ianeselli, Florian, Micheletti, Callegaro (libero II). All. Vasja Samec.
ITAS CITTA’ FIERA Caravello (capitano), Pozzoni, Frison, Beltrame, Cibin, Molinaro, Fedrigo, Chiodo, Presello, Gennari, Martinuzzo, De Nardi (libero). All. Marco Gazzotti.
Arbitri: Davide Iosca, Cristiano Cristoforetti.
Note: durata set 19′, 26′, 25′, 20′, 23′.

BOLZANO Arriva la seconda sconfitta della stagione per l’Itas Città  Fiera. Al PalaSanGiacomo finisce 3-2 (10-25, 25-23, 25-18, 13-25, 17-15) per il Neruda volley. Dopo un primo set al limite della perfezione, le ragazze di Gazzotti perdono concentrazione ed efficacia e si ritrovano sull’1-2. Nel quarto set si rivede il bel gioco, ma sul finale di gara le padrone di casa più che mai determinate a soffiare punti alle prime in classifica ci mettono il guizzo giusto e fanno loro set e partita.

Gazzotti fa scendere in campo Gennari in regia, Pozzoni opposto, Caravello e Beltrame in banda, Martinuzzo e Cibin al centro e De Nardi libero. Troveranno spazio, durante la partita, anche Fedrigo (ottima la sua prestazione), Frison, Molinaro, Chiodo e Presello.
Il primo set inizia alla grande per le friulane, che con Gennari al servizio (3 ace) si portano subito sul 5-0. Samec è costretto a chiamare il primo time out, ma l’andamento della gara non cambia (1-7). Sull’1-10 il coach del Neruda Volley richiama le sue ragazze in panchina, ma Caravello, al servizio, non si fa distrarre (ace). La corsa dell’Itas Città  Fiera prosegue senza alcun intoppo. L’attacco funziona e lo dimostrano Cibin, poi Beltrame (2-14, 3-16) e Pozzoni (8-22). E’ Beltrame a chiudere set mettendo a terra gli ultimi due palloni (10-25).

Il secondo set parte in equilibrio (4-4, 7-7), poi il Neruda volley comincia ad ingranare (10-7). Gazzotti chiama tempo, ma il vantaggio delle ragazze di casa cresce ancora (14-9). Sul 15-9 esce Pozzoni ed entra Fedrigo. L’Itas Città  Fiera prova a reagire (18-14) e riesce a rendere il finale incandescente (21-19, 23-19). Cibin realizza un ace importantissimo (23-22), ma è il Neruda a portare a casa il secondo set, dopo 26 minuti di gioco (25-23).

Nel terzo set Fedrigo prende il posto di Beltrame. La partenza è in salita (6-1) e Gazzotti, sul 9-3, chiama time out. Caravello e compagne provano a rimontare e sul 10-6 è il Neruda Volley a fermare il gioco. Gennari si prende il 12-8 e una volta al servizio si fa vedere con un doppio ace (12-11). Le padrone di casa, però, non mollano: Gazzotti chiama il secondo tempo (sul 15-10) e cambia alcune giocatrici (entrano Chiodo e Frison) ma la svolta non c’è (19-12). Sul finale rientra Gennari e mette piede in campo anche Molinaro. L’Itas Città  Fiera, in difficoltà , non riesce a recuperare i troppi punti di svantaggio (22-15): il set finisce 25-18, dopo 24 minuti di gioco.

Nel quarto set si rivede Beltrame in banda, Fedrigo opposto. Le ragazze della Libertas Martignacco, dopo due set deludenti, cambiano volto. Dimenticano gli errori e aggrediscono e sul 3-6 spingono coach Samec a chiamare tempo. Ma il vantaggio si consolida anche grazie alla forza del servizio: prima con Gennari (doppio ace, 4-12) poi con Caravello (5-14). Beltrame delizia con un pallonetto e con un mani-fuori (7-17), il muro di Martinuzzo ferma Neruda (7-19) e il quarto set termina, con un ace, 13-25 (21 minuti).

Il quinto set è sofferenza allo stato puro. Con Beltrame e Fedrigo (ace) l’Itas si porta avanti (3-5), ma il Neruda non molla e dà  inizio all’inseguimento, con una lotta punto a punto (6-7, 10-10). Sul 10-12 arriva il primo time out per le padrone di casa e subito dopo la gara si riporta in equilibro (13-13). Gazzotti chiama a sua volta tempo e il punto successivo è quello di Fedrigo. Ma Neruda c’è ancora (15-15) e ci crede: finisce 17-15.

La miglior realizzatrice è Martinuzzo con 16 punti, poi Cibin con 14, Beltrame e Fedrigo con 10, Gennari e Caravello con 8, Pozzoni con 5.

Dopo una bella partenza nel primo set, concentrate e aggressive, le ragazze hanno cominciato a commettere errori in tutti i fondamentali. Hanno mollato in difesa e anche in attacco commenta a caldo il presidente, Bernardino Ceccarelli, che ci tiene a segnalare la bella prova di Fedrigo Peccato per il 5° set. Sul 13 pari la squadra doveva fare meglio, invece ha lasciato campo libero alle avversarie. Siamo dispiaciuti per l’atteggiamento visto stasera: non possiamo permetterci questi black out.

Leave a Reply

Your email address will not be published.

Questo sito o gli strumenti di terzi utilizzati al suo interno si avvalgono di cookie per:
– il corretto funzionamento del sito
– generare delle statistiche di navigazione
– mostrarti pubblicità in modo non invasivo
Proseguendo la navigazione su questo sito acconsenti all’uso dei cookie.